Il blog della Cinzietta – The Boston Chronicles

Cervello in fuga da qualche parte nel New England

Così, ferma

A volte vorrei rimanere così, ferma.
Socchiudere la finestra, giusto uno spiraglio di aria fredda che mi viene incontro. 

Rimanere a guardare la pioggia che si  rincorre su un albero un po’ distante, sentire un brivido senza essere sicura se è davvero il freddo, quel

lo che mi fa provare queste sensazioni, o chissà cosa, e chissà perché. Tremare senza averne paura.

Poggiare la testa sul muro, e disperdere lo sguardo lontano, senza aver timore di sembrare troppo malinconica a chi non riesce nemmeno a guardare dentro se stesso.

Rimanere ad ascoltare la musica che mi suona nella testa. Una nota dopo l’altra. Un respiro dopo l’altro.

Sto crescendo, e non mi piace. 
Voglio ancora i miei pennarelli colorati. Voglio ancora le mie gommine profumate. Voglio ancora perdere tempo a ritagliare forme variopinte e scarabocchiare di verde e giallo i miei quaderni. 

Sono ancora io, quella nello specchio. Sono ancora io quella che ha sempre tutte le risposte. O forse no.

Voglio ancora un po’ di tempo, un po’ di noi. Un po’ di bellezza tutta per me.

A volte vado a riaprire il mio vecchio blog, quello che ho scritto per anni su Splinder, quello che ho salvato in fretta e furia dopo aver saputo che la piattaforma avrebbe chiuso da un giorno all’altro. Lo vado a riaprire e ritrovo me stessa. Una Cinzietta di quattro anni più giovane ma con lo stesso modo di pensare, le stesse paturnie, la stessa voglia di trovare risposte che non arriveranno mai. Queste parole le ho scritte nel periodo in cui avevo appena cambiato città, per l’ennesima volta. L’ennesimo trasloco, l’ennesimo sogno da inseguire. Il periodo degli autoscatti, dell’osservarmi allo specchio senza riconoscermi, del perdersi nello studiare la mia stessa ombra, delle pareti troppo bianche, delle luci troppo accecanti, dei sogni interrotti. Il periodo delle lacrime che ti scappano per il troppo stress, delle mani fredde, degli appunti scritti di fretta e mai conclusi. Mi guardo e mi faccio tenerezza. Sono sempre io. Sono sempre io quella faccetta buffa nello specchio.

E mi abbraccerei. E mi direi che va tutto bene. Mi direi di crederci.

4 commenti su “Così, ferma

  1. lacinzietta
    9 gennaio 2013

    Grazie per i vostri commenti 🙂

  2. beweightless
    8 gennaio 2013

    Il tuo post mi ha emozionato. Mi identifico molto nella Cinzietta di 4 anni fa. “L’ennesimo trasloco, l’ennesimo sogno da inseguire. Il periodo degli autoscatti, dell’osservarmi allo specchio senza riconoscermi”. Io sto attraversando proprio adesso questa fase. Osservarmi (e accettarmi) é ancora molto difficile. Ma il viaggio, in compenso, me lo sto godendo.

  3. tittisissa
    8 gennaio 2013

    Bellissimo post Cinzietta! Complimenti.

  4. pani
    8 gennaio 2013

    il tempo è la cosa più preziosa, bello o brutto che sia. Non si può impedire che sfugga ma si può di sicuro fare a meno di buttarlo.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 gennaio 2013 da in C'era una volta, Fotografando, Life, Parole, Pensieri sparsi con tag .

Clicca per ricevere le notifiche via e-mail.

Follow Il blog della Cinzietta – The Boston Chronicles on WordPress.com
Follow on Bloglovin

Followers

My Instagram

Sono così ribelle che fotografo vetrine piene di mappamondi anche se è vietato. Ognuno festeggia il suo Presidents Day come meglio crede. Amici, oggi ho conosciuto la Pistachio Pesto pizza, e devo dire che andiamo molto d'accordo. Regni incantati in miniatura. Lodi a Mr. Gabbiano che, oltremodo vanesio, si lasciò scattare decine di foto senza batter ciglio. Morire di too much cuteness per i giochini di gomma di mio figlio: fatto ✔ C'è poco da fare quando fuori fa freddo e per le strade girano i bobcat che spalano cumuli di neve. Meglio restare al calduccio e sfornare muffin come se non ci fosse un domani. Deadpool stamattina è spacciato, povero lui. Foto ricordo della tempesta di neve di ieri. I tetti e il cielo avevano un unico colore. Se sei un dolcetto al triplo cioccolato e hai "rainbow" nel nome con me non hai scampo. Mi piace di questo posto la geometria di certe linee. La trovo confortante. Ogni tanto cerco di riordinare la scrivania e sistemare le cornici. Per mettere a posto questa mensola ci ho messo solo tutta la mattina. Quanto sono diventata lenta... [Le due illustrazioni sono di @traceyenglish e @lilyandval]

Goodreads

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: