Il blog della Cinzietta – The Boston Chronicles

Cervello in fuga da qualche parte nel New England

Strangers

Quando ero ragazzina avevo tante di quelle fisse per le testa che la metà bastava. Per prima cosa, facevo liste di tutto. E dato che la mania non mi è passata, farò una lista anche qui, mi sembra coerente.

– Ero convinta che sarei morta prima dei trent’anni (di cosa non lo so, ma avrebbe dovuto essere qualcosa di altamente drammatico);

– attraversavo sulle strisce pedonali calpestando rigorosamente le parti bianche e MAI l’asfalto;

– dopo aver espresso un’opinione dovevo necessariamente terminare con un “così mi pare”;

– le mie librerie dovevano contenere tomi e cd in ordine rigorosamente alfabetico e di colore, e magari anche di altezza.

Per non parlare dei vari periodi in cui mi convincevo di intraprendere una certa carriera: c’è stato il periodo del veterinario (gattini randagi in casa ad ogni ora, qualche sporadico piccione, ma la mia vera passione erano le lucertole), quello della rockstar (periodo spazzola/microfono davanti allo specchio), quello della poetessa (ore notturne passate a scribacchiare versi improbabili su agende colorate. Alcune ogni tanto le rileggo ancora oggi esercitandomi in quello che gli americani chiamano facepalm).

A volte queste fantasie non scompaiono con l’età matura (sic!) ma perseverano negli anni. Una di queste è una sorta di desiderio irrealizzato che penso non abbandonerà mai l’angolino del mio encefalo dove si è rintanato finché non mi deciderò a renderlo realtà in qualche modo. Dicono che si è sempre in tempo, no?

Il mio chiodo fisso era questo: fotografare gente estranea per strada. Sceglierli istintivamente per i loro volti, le loro espressioni, avvicinarli, convincerli a fermarsi e a dedicarmi un po’ del loro tempo, scattargli delle foto attraverso le quali rivelare la loro anima e un pezzetto della loro storia.

Al mercato, a scuola, alle giostre, sul lungomare della mia città, e più tardi alla stazione di Stoccolma, all’aeroporto di Boston, su una spiaggia a Barcellona, su un autobus a Brescia, o semplicemente camminando per strada per andare a fare la spesa. Incontro sempre qualcuno che mi colpisce per qualche motivo particolare.

Non voglio qui addentrarmi nella storia della Street Photography e snocciolare le biografie dei suoi grandi autori del passato, Cartier-Bresson, il poverino, non riesce a prendere pace, si rivolta ancora come una frittella ad ogni citazione, e io vorrei invece lasciarlo tranquillo. Quindi mi soffermo con curiosità su un giovanissimo personaggio che ha fatto di questa pulsione un vero e proprio progetto fotografico.

Mi sono imbattuta in questi giorni nello Stranger Project di Benoit Paillé, un fotografo canadese autodidatta di 24 anni che vive attualmente a Montreal. Paillè ha iniziato questo progetto nel 2007 e adesso è in cerca di un editore che ne voglia fare un libro. Non c’è uno di questi ritratti che non mi piaccia, ognuno di essi mi dice qualcosa. Benoit dice di aver iniziato questo progetto dopo aver deciso di infrangere “la regola comune del non parlare alle persone estranee e del non disturbare la gente nei luoghi pubblici”. Ognuno di questi modelli è un “uomo della strada”, un personaggio trovato per caso per la via, su un treno, in metropolitana, in un centro commerciale. Ognuno di essi è protagonista di uno scatto che ha una sua storia. Convincendo ognuna di queste persona a prestare il proprio volto per un ritratto, Benoit riesce a creare una breccia nell’individualismo del mondo moderno e a gettare una nuova luce sull’anonimato dei moderni centri urbani.

Ogni scatto del progetto, in continua evoluzione, si trova in questa pagina di Flickr.

Pur trattandosi di un’idea non originalissima, di una strada già percorsa, mi colpisce molto l’energia e lo spirito con le quali Benoit la intraprende e trovo in queste foto una profonda sensibilità e una capacità di cogliere le espressioni del volto umano fuori dal comune.

Guardo questi scatti e mi dico che prima o poi sarebbe bello trovare il coraggio di farlo, cominciare a girare con un mazzetto di biglietti da visita in tasca e la Reflex al collo e fermare le persone per la strada chiedendo loro di rubare uno scatto. Se non mi metto prima nei guai, cosa molto probabile, potrei tirarne fuori qualcosa di interessante.

Qualche scatto dello Stranger Project con relativa storia.

© Benoit Paillé

“Ero in coda alla caffetteria dell’università quando l’ho vista, il suo viso era incredibilmente perfetto per lo stile delle mie foto. Il giorno dopo le ho chiesto di posare per me, e lei ha accettato”.

© Benoit Paillé

“Sono entrato in questa biblioteca di Concordia, tutto lì è silenzioso, specialmente il sabato. Mi accorgo della presenza di questa bambina, fatto abbastanza inusuale per una biblioteca universitaria. Ho pensato subito che fosse un soggetto perfetto. Ho dovuto distogliere il padre dai suoi libri e superare la sua diffidenza, ma ce l’ho fatta.”

© Benoit Paillé

“Passavo spesso di fronte alla sua casa, ero incuriosito dal suo appartamento strapieno di oggetti. Ho bussato alla sua porta e ho voluto conoscere l’uomo all’interno del suo ambiente. Si chiama François, ha 67 anni e dice di essere un reduce della guerra del Vietnam. Sono entrato nel suo mondo ma nello stesso momento lui è entrato nei mio: io il regista, lui il mio attore protagonista.”

10 commenti su “Strangers

  1. Pingback: Strangers. Again? | Il blog della Cinzietta

  2. gessi74
    12 marzo 2012

    Per quanto possa essere un idea non originale, come giustamente osservi, il bello di questi progetti è che ci metti tutto te stesso e ogni volta c’è sempre una forza diversa…Ti segnalo un progetto simimle realizzato con Holga e una lente closeup: http://swallowingflies.wordpress.com/2011/06/25/12faces-hitchin-2/ Anche qui c’è un “qualcosa di più”…Perdona, ma mi hai fatto entrare in fissa con questa cosa!🙂
    Ste

  3. gessi74
    12 marzo 2012

    Scusa, ma non riesco a smettere di guardare i lavori di questo tizio!! Mi piacerebbe da matti vedere come lavora, stare al suo fianco anche solo per un’ora, sulla strada!

    • lacinzietta
      12 marzo 2012

      E’ vero, molti dei volti che lui sceglie sono quasi ipnotici. Piacerebbe molto anche a me seguirlo da vicino. Da quanto ho capito fa anche dei workshop in giro per il mondo, chissà prima o poi…😉

  4. gessi74
    12 marzo 2012

    Ciao! Quando ho il letto il post…beh…son rimasto imbabolato 20 minuti a fissare questi visi. E’ una delle cose che ho sempre desiderato fare (andare in contro alle persone), ma la timidezza e l’ambiente che frequento (un’umidissima città del nord est italiano) mi frenano moltissimo. Ti ringrazio della segnalazione.
    Ci vuole solo il coraggio di partire e di abituarsi a qualche risposta maleducata!😉
    Sì, ok, non è un idea originale, ma trovo sia sempre di una forza unica! Sempre riguardo l’idea di andare incontro a persone sconosciute per rubare uno scatto ti lascio questo link, se non lo conosci già: http://swallowingflies.wordpress.com/2011/06/25/12faces-hitchin-2/
    PS i ragazzi di questo video, a parte lo scopo di recensione…vanno proprio in contro alle persone…forse troppo!! ahhaha http://www.digitalrev.com/article/analogrev-feat-eric-kim-with/MTAxNjUzOTA_A

    Ste

  5. colorsontheroad
    28 dicembre 2011

    Che bello questo blog! Mi ritrovo molto in quello che hai scritto…io ancora adesso mi ritrovo non solo a notare dei volti ma anche a fantasticare sulla loro storia. Grazie per aver suggerito questo progetto. Ripasserò ancora dalle tue parti…
    Ah…anch’io ho sempre tenuto i libri in ordine di altezza e colore!

    • lacinzietta
      29 dicembre 2011

      Grazie mille Giorgia del tuo commento🙂 Verrò a trovarti anche io.

  6. Enyou
    7 novembre 2011

    E’ una cosa che affascina molto anche me, anche se io non sono tanto per i soggetti “particolari” e probabilmente comincerei banalmente a scegliere solo ragazze carine xD Però i ritratti che hai postato qui sono davvero belli, quindi penso mi andrò a spulciare il flickr di questo tipo!

    (ps. anche io ho avuto il periodo poetico, e come se non bastasse mi sentivo così matta da scrivere IN INGLESE… mah)

  7. Bibi
    7 novembre 2011

    quante volte ho desiderato avere una macchina fotografica al posto degli occhi, così da fotografare senza essere vista, senza chiedere permesso, senza che la gente ti guardi come se fossi un marziano con la pelle verde. senza perdere quell’espressione che avevano prima che ti vedessero.

    spero che tu lo faccia🙂

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 novembre 2011 da in Fotografia con tag , , , , , , .

Clicca per ricevere le notifiche via e-mail.

Follow Il blog della Cinzietta – The Boston Chronicles on WordPress.com
Follow on Bloglovin

Followers

My Instagram

Il cioccolato non fa domande. Il cioccolato ti capisce. Il cioccolato è tuo amico. Quando ti trovi di fronte a dei delfini disegnati su un muro azzurro, fermati e scatta, anche se ti si stanno ghiacciando le mani dal freddo. #portland A Portland ci ero già stata qualche anno fa e mi era già piaciuta tanto. Stavolta ci siamo tornati in tre, e l'ho trovata ancora piú bella, chissà perché. Felicità è trovare bacon strips e disegnini a colazione. It's Snowvember, baby. Ricomincia la stagione dei tetti bianchi e delle foto fatte dal balcone, in pigiama e coi piedi ghiacciati. Non so bene quando riuscirò a riprendere quell'aereo, ma mia speranza è che non passi molto tempo. Io attendo sempre l'invenzione del teletrasporto. Barchette all'orizzonte. Sono tornata in Italia dopo 5 anni di vita americana, ci sono rimasta 2 settimane, ho fatto solo un decimo di quello che volevo fare e adesso non mi rimane che riguardarmi le foto aspettando che arrivi l'occasione per il prossimo viaggio 💜 La felicità puó consistere anche in una semplice fetta di focaccia con soppressata e funghi mangiata in macchina e in buona compagnia. Puglia, mi manchi assai. Io e le palle di cannone del Castello Aragonese. Perché erano anni che volevo fare questa foto. Io ancora mi chiedo da quale pianeta arrivi. Perché tu sei troppo, troppo di tutto. Un giorno me lo dirai, con parole tue. Mi guarderai, e ci capiremo. Barchette blu che mi ritornano in sogno mentre sono a chilometri di distanza da quel mare antico.

Goodreads

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: